Rummenigge √® stato forse l’attaccante pi√Ļ forte degli anni ’80 ed anche un grande esempio di rispetto e correttezza.

Karl-Heinz Rummenigge è nato e cresciuto in un paese come la Germania dove nulla viene mai fatto per caso. Il perfezionismo tedesco riguarda anche il calcio e Rummenigge ne fu un esempio lampante.
√ą stato uno dei giocatori pi√Ļ vincenti della sua generazione; con il Bayern Monaco ha alzato al cielo due Coppe dei Campioni, due coppe nazionali e due campionati tedeschi.
Domin√≤ incontrastato la Bundesliga e pi√Ļ volte si laure√≤ capocannoniere, fino a conquistare il tanto ambito Pallone d’Oro nel 1980 e nel 1981.
Quando l’Inter lo acquist√≤ Rummenigge entrava in Italia come una leggenda.

Rummenigge
Foto: Twitter

Anche in Serie A Rummenigge fece molto bene, nonostante fossero anni di egemonia tedesca in Europa. Regal√≤ all’Inter grandi soddisfazioni in coppia con Alessandro Altobelli, come il 4-0 inflitto agli storici rivali della Juventus.
I problemi fisici lo costrinsero ad appendere gli scarpini al chiodo a testa alta dopo un’ultima esperienza al¬†Servette.
Con la nazionale tedesca – divisa all’epoca in Germania Est e Germania Ovest, di cui lui faceva parte – visse anni gloriosi sul campo nonostante la situazione sociale fosse travagliata.

Sarebbe riduttivo liquidare la carriera di Rummenigge al solo talento tecnico individuale.
Ci√≤ che l’ha reso grande, prima da giocatore e poi da dirigente, √® sempre stata la sua spassionata correttezza verso compagni, allenatori, arbitri ed avversari.
Era uno di quei leader che riescono a far rumore anche stando in silenzio.
Un giocatore riflessivo, studiato, che non ha mai mancato di rispetto a nessuno con qualche parola fuori posto.
Concorderete che queste sono doti rare, lontane dai campioni di oggi, per i quali è difficile non montarsi la testa.

Rummenigge
Foto: Twitter

Il Bayern Monaco, con una personalità come la sua tra le fila della dirigenza, continua a distinguersi per rigore, fair play e modernità.
Rummenigge √® l’ultimo esponente di una generazione di protagonisti dello sport che ormai non c’√® pi√Ļ e anche alla luce degli ultimi avvenimenti ci√≤ che possiamo augurarci √® che rimanga sul palcoscenico calcistico ancora per molti anni, riportando anche altri con i piedi per terra.

 

Federica Vitali