Il Napoli travolge la Roma per 4-0 e conquista il quinto posto in classifica, agganciando proprio la formazione giallorossa.

Una partita perfetta in una settimana difficile per gli azzurri e per tutto il calcio.
Un poker che stende la formazione di Fonseca e che regala ancora più emozioni ai pochi tifosi presenti allo stadio e all’intera città partenopea.

Un successo per onorare al meglio la memoria di Diego Armando Maradona, scomparso lo scorso 25 novembre.

El Pibe de oro vivrà sempre nell’ormai ex Stadio San Paolo, che a breve gli verrà intitolato.

Insigne e compagni lo sanno e gli rendono omaggio nel migliori dei modi.
Una vittoria in nome di Diego.
Non possono che essere gli uomini di Gattuso i Men of the Day della nona giornata di campionato.

Fonte immagine: profilo Twitter ufficiale Napoli
Fonte immagine: profilo Twitter ufficiale Napoli

Una gara straboccante di emozioni.
Le gigantografie di Maradona dominano gli spalti e la sua foto in maglia azzurra accompagnata dalla scritta “Ad10s” sovrasta il campo dalla tribuna.
Lorenzo Insigne deposita un mazzo di fiori sotto le curve A e B in ricordo del campione eterno. 

Il Napoli scende in campo per Maradona, e lo fa con una maglia a strisce bianche e azzurre, che ricorda quella dell’Argentina. Maglia, che il club e la casa produttrice Kappa avevano disegnato un anno fa come quarta opzione da indossare solo in momenti particolari.

Doveva essere una divisa che ricordasse El Pibe de oro, la sua terra e il legame con Napoli e, come spiega la società partenopea, la presentazione era prevista proprio la nona giornata di campionato contro la Roma.

Un’assurda coincidenza.

Gli azzurri infatti, il giorno che l’hanno ideata, non sapevano che Maradona non avrebbe mai visto questa maglia: “Insieme speravamo che Diego potesse vederla, magari indossarla ed emozionarsi con noi. Avrà un significato ancor maggiore rispetto a quanto ipotizzato inizialmente”. 

Fonte immagine: profilo Twitter ufficiale Napoli
Fonte immagine: profilo Twitter ufficiale Napoli

Commozione su commozione.
Al decimo minuto, come in tutti gli altri campi di Serie A, la gara si ferma e l’applauso del San Paolo è tutto per il campione argentino, che a Napoli ha vinto due scudetti e conquistato il cuore e l’affetto di tutti. 

È la rete di Insigne poi, alla mezz’ora, a dare il via allo show napoletano. Una punizione esemplare e l’omaggio con la numero 10 in ricordo di Diego.

Dopo di lui, in gol anche Fabian Ruiz, Dries Mertens e Matteo Politano, che chiude i conti con un’azione “maradoniana”, serpentina con dribbling, anche al portiere. 

Un Napoli super concentrato, come nelle migliori sfide, e una Roma che soffre parecchio forse anche a causa delle tante assenze.

Per la squadra di Fonseca non c’è scampo.

Un 4-0 finale e una grande gioia azzurra al triplice fischio.
Una vittoria importante per il Napoli, per Gattuso, ma soprattutto per Diego. 

 

Alessandra Cangialosi