Dopo la disfatta a Napoli la Juventus si e’ rimessa  al lavoro per chiudere  il mercato in uscita e tentare di inserire qualcosa in entrata, per fronteggiare i prossimi impegni.

Un mercato in uscita con difficoltà a chiudere le trattative:  le uniche  andate in porto sono state  la cessione di Emre Can, e  Pjaca verso l’Anderlecht.

Pjaca
Labaro Viola

Entrambe le operazioni sono prestiti e non cessioni definitive.

L’ operazione   Can  lascia senza parole poichĂ©  non si conoscono le motivazioni per cui questo prezioso giocatore sia  stato eliminato dalla rosa della Juventus.

Il tedesco di origine turca è stato per lungo tempo sotto l’osservazione della Juventus, seguito già dal 2017. Lunga fu la trattativa per portarlo a Torino, un vero e proprio inseguimento;  una volta arrivato,  si ammala improvvisamente.   Emre non ha mai potuto dare il meglio di sé  e con la nuova gestione di Sarri  viene addirittura escluso dalla lista Champions, un dispiacere immane per l’atleta dimostra pubblicamente tutto il suo rammarico.

Non si riesce a comprendere, per quale motivo, il giocatore sia diventato un peso per la SocietĂ :  una  mezzala dalle sue caratteristiche  e dalle importanti doti fisiche che  può essere schierato anche come difensore centrale –   quindi di ampio impiego –  sarebbe stato utile.

Niente da fare,  il tecnico   quasi lo emargina facendolo giocare   solo  pochi minuti, così  Emre  comprendendo che alla Juventus non avrebbe avuto più spazio  chiede la cessione.

Arriviamo così all’accordo con il Borussia Dortmund, che consentirĂ  al centrocampista di emanciparsi finalmente dalla Juventus,  perfezionato dopo aver superato le visite  con un prestito oneroso con obbligo di riscatto.

Ma non c’ è solo la questione Emre Can, tutto il mercato della Juventus è incomprensibile e confusionario  e l’aver lasciato un giocatore come Erikssen all’Inter, dice tutto. Continuiamo  a non capire per esempio l’utilitĂ  che avrebbe avuto lo scambio De Sciglio-Kurasawa del Paris Saint Germain: giocatori  dalle  caratteristiche e condizioni fisiche praticamente identiche. Tanto che la Juve ha poi preferito  tenersi  De Sciglio, che conosce giĂ   l’ambiente e che può’ essere impiegato  sia a destra che a sinistra.

Lo sfoltimento della rosa –  come da richiesta di Maurizio Sarri –  è in atto: questo permetterĂ  di recuperare denaro risparmiando  sugli ingaggi, ma il dato preoccupante è che la SocietĂ  non intende acquistare e con i problemi dovuti ai continui  infortuni non si sa come Maurizio Sarri riuscirĂ   a far fronte alla Champions League.

L’allenatore  ha dichiarato che dispone di  molti giocatori,  il suo intento sarà quello  di inventarsi dei ruoli di scorta per ottimizzare al meglio le risorse a disposizione.

Sebbene la Juventus esibisca  cifre di marketing da capo giro, nel pratico sembra non navigare in acque tranquille: l’allineamento ai grandi club è stata una bella decisione che  sta costando cara a scapito della qualitĂ  della  squadra. Quest’ultima  si comporta come una nave piena di falle, chiusa una se ne apre un’altra e  ci si affida alla buona sorte se si suppone di riavere i rientri dagli infortuni in piena efficienza come se nulla fosse.

Ecco che la figura di Paratici diventa emblematica e della cui bravura  la tifoseria comincia ragionevolmente  a dubitare. Perché un fatto  è avere anni di esperienza da Direttore Sportivo, un altro   è l’essere stato fino all’altro ieri il braccio destro di un dirigente sportivo dalla lunga esperienza.

Esiste un legittimo  sospetto che il  gruppo di quarantenni  non abbia le idee chiare e che il primo a farne le spese sia proprio l’allenatore, che è vero  non sta facendo tutto il possibile per farsi voler bene ma si trova a dover lavorare con giocatori non scelti da lui, lontani dalle sue idee.

E sembra strano pensare che la dirigenza sia convinta di farcela con la politica dei parametri 0.

Nel frattempo la Juventus va avanti, l’idea di Sarri è di tenere Bernardeschi e trasformarlo in una mezzala.

Cinzia Fresia