Ai calci di rigore il Pescara supera il Perugia e resta in Serie B. Chiude così, nel migliore dei modi, la sua lunga carriera Hugo Campagnaro.

“Sarebbe stato bruttissimo chiudere con una retrocessione, è bellissima la salvezza. È stata una settimana molto tosta, conquistare una salvezza del genere, a fine carriera, rimarrà impresso nella mia mente…”
Così, El Toro, all’età di 40 anni, chiude una lunga carriera da protagonista.
Una carriera iniziata da attaccante nella sua Argentina, nel Deportivo Morón salvo poi essere trasformato prima in esterno di centrocampo poi in terzino, in Italia quando, nel 2002 viene acquistato dal Piacenza.
Proprio in Emilia farà il suo esordio in Serie A e si farà notare.
Infatti, nel 2007 viene acquistato dalla Sampdoria e diventa a tutti gli effetti un difensore.
Nel 2009, l’argentino, passa al Napoli dove il 20 maggio 2012 vince quello che rimarrà l’unico trofeo della sua carriera, la Coppa Italia.
L’anno successivo, in scadenza di contratto coi partenopei, viene tesserato dall‘Inter ma, la sua prima stagione nerazzurra non è delle migliori a causa di infortuni e attritti con mister Mazzarri. Con l’avvento di Mancini sulla panchina dell’Inter, ritrova continuità, schierato soprattutto come terzino destro.
Nel 2015, Campagnaro viene ingaggiato dal Pescara, militante in Serie B ma, a causa di diversi problemi fisici gioca poche partite. Il suo apporto, anche se sporadico si rivelò comunque prezioso per i Delfini che con lui in campo subirono solo una sconfitta e, in quella stagione conquistarono la promozione: Hugo fu protagonista assoluto nel finale, giocando tutte e quattro le partite dei play-off che riportano i biancazzurri in Serie A.
In A, nel campionato successivo, il difensore argentino è vittima di numerosi problemi che lo tengono lontano dal campo per molti mesi e non gli consentono di provare a evitare la retrocessione della squadra.

Ha fatto di tutto per evitare la retrocessione dei pescaresi in questa serie cadetta 2019-2020 e per chiudere, così, la carriera con il sorriso.

“Ha messo fine alla sua carriera da calciatore nel migliore dei modi, Hugo Campagnaro, che a 40 anni ha guidato la difesa e la squadra al raggiungimento della salvezza nel Play Out di ieri sera. Una prestazione da applausi la sua, come la sua intera carriera. Marcatura perfetta, esperienza e qualità tecniche intramontabili quelle del difensore argentino, che hanno aiutato il Pescara Calcio a raggiungere, non senza soffrire, la salvezza. Un omaggio doveroso per un giocatore da sempre esempio per compagni e avversari”.

⚽🔚🔥 Ha messo fine alla sua carriera da calciatore nel migliore dei modi, Hugo Campagnaro, che a 40 anni ha guidato la…

Pubblicato da Lega B su Sabato 15 agosto 2020

Con questo messaggio sui social la Lega B ha salutato l’argentino che non lascerà Pescara ma breve comprerà casa sul lungomare nord, una zona che ha fatto innamorare la moglie e magari inizierà ad allenare, partendo dalle giovanili biancazzurre.