E’ uno degli stilisti haute couture più apprezzati, portabandiera dello stile italiano fatto di ricercatezza, abilità artigianale, ricerca continua e qualità tessile.

Indubbiamente è un eclettico Anton Giulio Grande, originario di Lamezia Terme, formato tra l’altro al prestigioso Fit di New York, e che in passato ha collaborato con l’atelier delle Sorelle Fontana e la Maison Gattinoni prima di dedicarsi alle sue collezioni sensuali e raffinate al tempo stesso.

Abiti sontuosi indossati, tra le altre, da Valeria Marini, Alba Parietti, Nina Moric, Belen Rodriguez, Pamela Prati.

Abbiamo chiacchierato con Anton Giulio a proposito del fenomeno Wags, seguitissime dagli internauti e gettonatissime dagli stilisti per lanciare trend e collezioni a colpi di immagini postate sui Social (soprattutto su Instagram).

“Senza ombra di dubbio – spiega – le Wags sono un veicolo straordinario per la pubblicità, tanto da aver soppiantato in parte le costose campagne pubblicitarie degli anni passati.
Spesso hanno più followers dei calciatori loro compagni e dettano legge in fatto di stile e di gusti; sono tutte accattivanti e sexy e grazie ai social molte di loro si sono inventate praticamente un mestiere”.

E continua…

La mia preferita in assoluto è Izabel Goulart, compagna del portiere del Paris Saint Germain, Kevin Trapp. Trovo la coppia straordinariamente bella, glam e moderna.
Izabel è una vera top model, ha sfilato per Valentino, Chanel, Victoria’s Secret e scelta come testimonial di campagne internazionali di Armani, Calvin Klein, Cesare Paciotti, DKNY, Dolce&Gabbana. Ha una classe eccezionale e al contempo è un inno alla sensualità“.

Altre due che amo in particolare sono Amra Silaj Dzic, compagna di Edin Dzeko calciatore della Roma e Ann Kathrin Brommel compagna del centrocampista del Borussia Dortmund, Mario Goetze; sono entrambe molto cool e fashion anche se molto diverse tra loro.
Un discorso a parte merita poi l’intraprendente Wanda Nara, moglie di Mauro Icardi, Wags per eccellenza, donna manager e madre di cinque figli che proprio grazie al calcio, diciamo così, ha spiccato il volo”.

Abbiamo chiesto ad Anton Giulio quale tra le tante bellissime Wags vestirebbe in particolare.
“Ne vestirei diverse, soprattutto La Goulart ma anche la bellissima spagnola Pilar Rubio, compagna di Sergio Ramos del Real Madrid, e Joana Sanz, moglie di Dani Alves.
Poi ovviamente Shakira, moglie di Piquè, che fa tendenza più di tutte le altre ed è una star mondiale, prima di essere una Wags.

Tra le italiane, ho vestito Marta Cecchetto, da poco moglie di Luca Toni; ha sfilato diverse volte per me, è stata un’importante modella italiana molto richiesta, elegante e particolarissima in quanto rossa naturale, una bellezza rara… Tra le Wags italiane apprezzo molto Melissa Satta, moglie di Boateng, molto sexy, la fashion blogger Alice Campello, moglie di Morata, Roberta Sinopoli, moglie di Marchisio.

Ilary Blasi, invece, è stata una mia modella prima di diventare la moglie di Totti, in una sfilata al Teatro Massimo a Palermo, ne ho un ottimo ricordo. Ilary ha look strepitosi che interpreta molto bene… Ammiro anche Ilaria d’Amico che però non definirei una vera e propria Wag, essendo una stimata giornalista ancora prima di diventare la compagna di Buffon.

Conclude la nostra chiacchierata con un aneddoto…

A proposito di Wags che ho conosciuto, una delle miei prime modelle è stata la bellissima Arianna Rapacionni, moglie di Mihajlovic. Arianna è mamma di sei figli, di cui le meravigliose Victoria e Virginia. Anche se al tempo non esisteva in realtà il fenomeno delle Wags articolato come lo è oggi e nemmeno i Social a dire il vero“.

 

Silvia Sanmory