Alta, fisico da modella, capelli lunghi e un sorriso disarmante, stiamo parlando di Jessica Fegatilli, Miss tifosa romanista 2019, concorso organizzato da Mariella Quintarella e dall’UTR. 

Romana de Roma, come ama definirsi, la bionda Miss racconta in esclusiva sulle pagine di Gol di Tacco a Spillo il suo grande amore per la squadra giallorossa, le sue emozioni legate a Totti e De Rossi e il suo grande sogno: Mbappé!

Ciao Jessica e benvenuta sulle pagine di Gol di Tacco a Spillo!

Iniziamo dall’ultima giornata di campionato, una giornata che rimarrà nei cuori di tutti i tifosi giallorossi. Raccontaci un po’ delle tue emozioni…

Una serata pieni di emozioni,di ricordi, i suoi goal, la sua rabbia in campo, Daniele e Francesco sono stati le colonne portanti della Roma. Daniele rappresenta un fratello, l’amico di tutti noi, il romano che sente sua la partita, la rabbia che ha dimostrato in campo nel difendere con passione quel numero 16 che tanto amiamo e a cui a fatica oggi diciamo addio. Un addio che speriamo possa essere un arrivederci per poi ritrovarlo come allenatore. I ricordi sono tanti: basti pensare a quel Roma – Fiorentina 3-1, triangolo tra Daniele e Francesco, fantastico, un capolavoro!
Il 3 a 2 fra Roma e Bayern Monaco del 2010.
E poi ancora il 28 maggio la giornata della tristezza per l’addio a Francesco, il boato dello stadio Olimpico è stato unico!

Sei stata eletta a Marzo Miss tifosa giallorossa, come nasce l’amore per questi colori?

Da bambina, ascoltando la nonna cantare le canzoni romane fino all’ultimo respiro e vedendo le partite con il nonno, mentre mi raccontava la storia della Roma e dei calciatori, dei suoi cantanti romani, Lando Fiorini  tra tutti!
Nonno ancora si emoziona come un bambino davanti a quei colori che sono la nostra grande passione. A casa  – fra l’altro – siamo tutti romanisti!

Come ti sei avvicinata al concorso?

Ho letto per caso di questo concorso e insieme ad un amica abbiamo deciso di provarci.  Quando c’è qualcosa che riguarda la Roma sono sempre pronta!
Devo ringraziare la presidente del club Donne in giallorosso, Mariella Quintarelli che mi ha fatto capire il vero senso di questo concorso, organizzato dalla stessa Mariella e dall’UTR. Un concorso che non prende in considerazione la mera bellezza fisica ma la passione, il sentimento, la voglia di fare amicizia con altre ragazze romaniste con l’unico desiderio di rappresentare le donne giallorosse.
Abbiamo sfilato in abiti giallorossi e poi in jeans e maglietta della in modo tale tale da rappresentare le tifose che vanno allo stadio.
Quest’anno per la prima volta ci sono state anche esibizioni artistiche, non solo sfilate, volte a far vedere che una tifosa può fare tante cose, non è soltanto una bella statuina!

Parlaci un po’ di te, chi è Jessica Fegatilli?

Una ragazza semplice di Roma che lavora in un negozio di abbigliamento, cresciuta in questa città che è il suo grande amore, con la passione per una squadra che l’ha fatta sognare, e spesso anche arrabbiare, senza mai perdere la voglia di esultare per un goal o piangere per un addio.
Quest’anno per la prima volta ho potuto conoscere capitan Francesco, ho passato un po’ di tempo a Trigoria  ed è stato davvero emozionante conoscerlo di persona. Parlandoci ho avuto modo di capire che è rimasto una persona molto semplice, e vi dirò, anche molto ironica!
A Trigoria mi sono sentita davvero a casa! Sai la Roma diventa un po’ come una grande famiglia!

Come saprai questa è una redazione tutta al femminile, qual è secondo te il contributo che possono dare le donne a questo sport?

Le donne sanno distinguersi sempre, qualunque cosa facciano, ovunque vadano.
Oltre ai consigli e alle idee innovative, possiamo regalare un tifo sano, fatto di passione vera, pura, con la semplicità e la schiettezza che ci contraddistingue! Poi ci sono tante ragazze calciatrici ed è così bello vederle in campo, libere di divertirsi e di competere senza sentirsi inferiori a nessuno!

I tuoi progetti futuri?

In realtà vivo questa vittoria in maniera molto serena, porto con me la grande gioia di rappresentare la tifosa romanista, la donna che ama e sostiene la sua squadra. Mi auguro di essere portatrice di questo messaggio a tutte le donne!

Come reputi il campionato appena concluso della Roma?

Molto stressante! Credo che avremmo potuto dare molto di più, probabilmente ci sono delle cose da rivedere e inoltre penso anche che Ranieri avrebbe potuto fare ancora altro come  tecnico non solo romano ma anche romanista!
Daniele De Rossi avrebbe potuto dare ancora tanto per la Roma, noi tifosi abbiamo bisogno di pilastri che conducono la proprio squadra in una stessa unica direzione.

Un giocatore del passato e uno del presente a cui sei legata?

I miei giocatori preferiti in assoluto del passato Bruno Conti, Francesco Totti e purtroppo ormai devo aggiungere Daniele. Del presente Florenzi.

Jessica Fegatilli, miss tifosa giallorossa con Francesco Totti

Senza Totti e De Rossi da chi la Roma deve ricominciare?

La Roma dovrebbe ricominciare acquistando due validi sostituti e non sarà facile!
Abbiamo bisogno  di un degno attaccante e poi importante sarà anche il bisogno di ripartire tutti dall’amore per la Roma, e per farlo bisogna essere uniti verso un unico obiettivo: vincere. Bisogna stimolare anche chi è rimasto, Ranieri stesso ha puntato tanto sull’autostima dei giocatori, sull’orgoglio e dulcis in fundo l’appartenenza alla maglia, fondamentale per una squadra come la nostra!

Un giocatore che vorresti vestisse la casacca giallorossa?

Non mi dispiacerebbe per nulla Mbappé!

Terminiamo la nostra intervista con due wags giallorosse… che voto dai a Ilary Blasi e Sarah Felberbaum?

Ilary la conosco meglio, ho potuto notare il suo lato comico come presentatrice. Non è solo una valletta. Forse mi sbaglio ma credo che siano due caratteri completamente opposti.

Ilary molto spigliata,  ironica,  una romana pazzerella che non te le manda a dire!
Sarah mi sembra molto riservata, semplice, poco mondana e poco presente nel mondo del gossip. Diciamo che a Ilary do 10  e a Sarah 8 ma soltanto perché la conosco meno.


Sono comunque le mogli di due grandi capitani e dietro a due grandi uomini come loro non possono che esserci due grandi donne come Ilary e Sarah.

 

Giusy Genovese