Finalmente, dopo quasi due mesi, la Juventus presenta ufficialmente Merih Demiral.

Il difensore centrale turco, arrivato dal Sassuolo, in poco tempo ha conquistato cuori e campo bianconeri: sin dai suoi primissimi minuti in campo. 

Conferenza Demiral
Facebook

Sarà per quel suo fare sicuro, a testa alta. Sarà perché da tanto tempo mancava alla Vecchia Signora un difensore che non si curasse poi tanto di mettere le mani addosso all’avversario.

Come Montero. 

Quel nome che – presentatogli in conferenza da uno dei rappresentanti della stampa – gli strappa subito un sorriso. L’unico, in verità, che compare sul volto di questo ragazzo giovane ma già messo alla prova dalla vita.

“Ho sentito parlare molto di Montero. Ho visto anche suoi video. Il paragone con lui mi fa onore”.

Una conferenza abbastanza scarna, senza fronzoli proprio come è lui, essenziale, serio, concentrato. Esordisce con un saluto cordiale in un italiano faticoso, che però, ci tiene  a sottolineare, migliorerà al più presto.

Sul viso una grande determinazione commista a fierezza che tuttavia vengono entrambe mitigate da parole umili e ben pesate. Un’ ambizione che non nasconde, quella di poter crescere in fretta, nel minor tempo possibile: la stessa che lo ha portato a lasciare il suo Paese appena maggiorenne.

Due i compagni citati: Chiellini quale mentore e esempio da seguire – “Uno dei miei idoli di sempre” – e Emre Can, al cui porge un sincero ringraziamento per averlo aiutato a inserirsi dentro e fuori dal campo. La cultura del lavoro, della fatica più volte sottolineata, la voglia di lottare “per avere una maglia da titolare”, il sentirsi onorato della scelta della Juventus e la sua intenzione “di restare il più a lungo possibile”.

Demiral Presentazione
Twitter

E infine la maglia numero 28, mostrata con gioia e un pizzico di orgoglio. 

Paratici ha ammesso che il difensore ha ricevuto tantissime offerte nel corso del mercato. La Juventus ha posto un veto alla sua cessione, certa che Demiral possa essere un pilastro del futuro.

Da come si sta presentando ha tutte le carte in regola per esserlo, e per farlo a lungo.

Benvenuto, Merih.