È il minuto 88 di Bosnia-Italia, quando Gigio Donnarumma lascia la porta al suo compagno Pierluigi Gollini. 

Gollini Italia
Twitter

Chissà se il giovane portiere della Dea ha ripensato per un attimo – in quella manciata di minuti – a quel campetto dietro casa, nella provincia ferrarese, dove tutto ebbe inizio.

A quei calci a un pallone per inseguire un sogno voluto fortemente anche nelle buie giornate inglesi, quando poco più che ventenne si getta nell’avventura della Premier con la maglia dell’Aston Villa.

Quel sogno per il quale si suda e si piange, ci si allena notte e giorno, si cambia ma si resta sempre gli stessi, come diceva un anno e mezzo fa nella sua canzone “Rapper con i guanti”. 

Pierluigi Gollini è tornato dall’ Inghilterra per volere dell’Atalanta, che lo ha osservato, lo ha tenuto in panchina e lo ha testato, fino a riscattarlo dal club inglese e a affidargli definitivamente i pali della retroguardia orobica. 

gollini atalanta
NAPLES, ITALY – APRIL 22: Pierluigi Gollini of Atalanta BC in action during the Serie A match between SSC Napoli and Atalanta BC at Stadio San Paolo on April 22, 2019 in Naples, Italy. (Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

A suon di prestazioni convincenti, Gollo dapprima si alterna a Berisha poi, partita dopo partita, si prende il posto da titolare.

Tutto questo e molto altro nel groviglio di emozioni che ha animato Pierluigi, finalmente in campo con la sua Nazionale, dopo la prima convocazione arrivata questa estate:

E’ un’emozione fantastica. E’ una sensazione che mi ha quasi ricordato l’esordio in A.

Gollini non si aspettava di entrare, tutti infatti attendevano l’ingresso di Alex Meret.

Invece eccolo lì, anche se soltanto per pochi minuti. Perché in porta la concorrenza é tanta: Donnarumma, Meret, Sirigu. Tutti validissimi numeri uno. “Siamo un gruppo di portieri fantastico”, ha sottolineato il nerazzurro.

Amici sempre, antagonisti in campo. Il posto – si sa – é uno solo. Ma conoscendo Pierluigi Gollini, niente e nessuno lo terrà lontano dalla conquista dei suoi obiettivi.

View this post on Instagram

15-11-2019 La prima volta non si scorda mai. Ma questa è già indelebile. È un sogno che diventa realtà. È la somma dei sacrifici che diventano sorrisi. È quella cosa che ripeti sempre quando da bambino giochi per strada: voglio fare il calciatore e giocare in nazionale. La dedica è tripla , non potrebbe essere altrimenti: •la mia famiglia, perché c’è sempre stata; i miei amici, perché sono la mia forza; la mia compagna, perché è vita; •tutti gli allenatori dei portieri che mi hanno accompagnato fino a qui, perché mi hanno fatto crescere e capire; •e alla mia gente, quella di Poggio e quella di Ferrara, perché sono orgoglioso di essere uno di loro. Oggi sono felice. Oggi È un giorno speciale💙🇮🇹🧤 Pier #BelieveInYourDreams

A post shared by Pierluigi Gollini 👑 (@piergollo) on

 

 

Il ragazzo sa aspettare il suo momento: lo ha dimostrato fino a oggi, continuerà a farlo.