Home Calcio Italiano Serie A Gattuso “ringhia” ancora: la tribuna come lezione per i pigri

Gattuso “ringhia” ancora: la tribuna come lezione per i pigri

Gattuso colpisce ancora con le sue lezioni: Hisaj e Mario Rui in tribuna contro il Bologna, domenica scorsa, come Lozano, a febbraio, contro il Barcellona.

fonte immagine: profilo Twitter uff SSC Napoli

Nella partita contro il Bologna di domenica scorsa, la paura dei tifosi era tutta incentrata sulla notizia dell’ultima ora: Mario Rui e Ghoulam spediti in tribuna da mister Gattuso.

Ma perchè Ringhio ha mandato in tribuna i due giocatori?

I due terzini, nell’allenamento precedente all’incontro non avrebbero dato il massimo generando questa decisione disciplinare e tanto da non meritare nemmeno la panchina.

Ecco la dichiarazione di Gattuso ai microfoni di Sky Sport:

Ieri hanno passeggiato. Li ho portati perchè è troppo facile stare a casa sul divano al caldo, sono venuti per stare con la squadra. Domani torneranno, senza rancori si va avanti“. 

Decisione, quella del mister, avventata ma fondamentalmente giusta, caratterizzante della personalità di Gennaro Gattuso che vuole sempre il massimo dai suoi ragazzi e non fa mai sconti.

mario rui
fonte immagine: profilo twitter uff ssc napoli

Così i due terzini hanno guardato la partita ben incappucciati e seduti in tribuna.

In realtà circolano voci di malumori presenti ultimamente nell’ambiente azzurro, sulle fasce soprattutto: i due mancini puniti, infatti, non avrebbero preso bene il fatto che Hysaj abbia conquistato il ruolo di “titolare” sulla corsia sinistra, essendo lui un destro di piede e loro mancini puri.

Ghoulam 
fonte immagine: profilo twitter uff ssc napoli

Ovviamente sono solo voci di corridoio che però trovano senso e fondatezza nel loro improvviso accantonamento da parte del mister.

L’episodio di domenica scorsa ricorda quello già accaduto con il piccoletto messicano, El Chucky Lozano.

Proprio prima della partita contro il Barcellona in Champions, apparso svogliato e deconcentrato all’allenamento, non fu portato nemmeno in panchina. Ringhio lo spedì direttamente in tribuna.

Da quel momento El Chucky sembra rinato, con più voglia di fare. Ha cominciato a lavorare con costanza e dedizione diventando ora un’arma devastante per il Napoli, un asso nella manica.

Si spera, dunque, che questo effetto travolga anche i due terzini.

Perchè, la verità è che la vera arma di questo Napoli è proprio mister Gattuso!

 

Valentina Vittoria