In seguito a un’indagine della Commissione Etica della Fifa, il presidente della Fifa Joseph Blatter e il presidente dell’Uefa Michel Platini sono stati squalificati per otto anni da tutte le attività legate al calcio. Il comitato ha accusato i due presidenti di corruzione e la condanna entrerà in vigore immediatamente. Questo il comunicato della Fifa:

“Il Comitato Etico ha squalificato il sig. Joseph S. Blatter, Presidente della Fifa e il sig. Michel Platini, vicepresidente e membro del Comitato Esecutivo della Fifa e presidente dell’Uefa, per otto anni da tutte le attività legate al calcio (amministrativa, sportiva o qualsiasi altro) a livello nazionale e internazionale. I divieti entrano in vigore immediatamente. I procedimenti contro Blatter sono relativi a un pagamento di 2 milioni di franchi svizzeri trasferiti nel febbraio 2011 al sig. Platini. Blatter, in qualità di presidente della Fifa, ha autorizzato il pagamento al signor Platini […]. Blatter, durante il suo interrogatorio, non è stato in grado di dimostrare un’altra base giuridica per questo pagamento. Le sue affermazioni relative ad un accordo verbale non sono state ritenute convincenti pertanto sono state respinte dalla Camera”.

Di fatto la Commissione Etica non ha valutato convincenti le spiegazioni di Blatter e di Platini circa un pagamento di due milioni di franchi svizzeri pagati dal primo al secondo, ovvero prestazioni professionali lontane negli anni e mai contrattualizzate formalmente. La condanna inoltre prevede, oltre alla squalifica, il pagamento di un’ammenda di 50mila franchi svizzeri per Blatter e di 80mila per Platini.

A causa di questa condanna, il presidente dell’Uefa Platini non potrà candidarsi alle elezioni per la presidenza della Fifa, elezioni in programma il prossimo febbraio. Per Blatter che invece aveva già annunciato le sue dimissioni dopo 17 anni a capo del calcio mondiale, si tratta di un brutto finale di carriera.

Martina Giuliano

Foto di blog.corrieredellosport

Golditacco2

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here