Dejan Kulusevski è una autentica sorpresa di questa prima parte di campionato, l’ennesima targata Dea Atalanta. 

Il giovane svedese – classe 2000 – proviene infatti dalla Primavera degli orobici e in questa stagione si sta destreggiando ottimamente con il Parma di D’Aversa. 

Parma
PARMA, ITALY – SEPTEMBER 25: Dejan Kulusevski of Parma Calcio competes for the ball with Manuel Locatelli of US Sassuolo during the Serie A match between Parma Calcio and US Sassuolo at Stadio Ennio Tardini on September 25, 2019 in Parma, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Dotato di una stazza fisica notevole che non lascia affatto presagire la velocità con cui, invece, riesce a esprimersi in campo.

Dejan – come il cognome facilmente fa intuire – è di origini macedoni seppur nato nel freddo del Nord Europa a da bambino si cimenta a giocare a calcetto con Sandra, sua sorella maggiore, una vera e propria furia a quanto si dice:

“Se lui mi saltava, io lo stendevo”.

 

Dejan e Sandra
Sky Sport

Fin quando un suo vicino di casa non parla con la madre, dicendole che il ragazzo ha talento e deve assolutamente fare il calciatore. Maurizio Costanzi, il responsabile del settore giovanile della Dea, lo nota durante un’amichevole e lo soffia letteralmente all’ Arsenale per la modesta cifra di 100mila euro.

Kulusevsky a quel tempo gioca con il Brommapojkarna e gioca sia di sabato, sia di domenica: sì, perché è aggregato sia ai classe 1999 sia ai classe 2000, in quanto più forte della media.  Insieme all’ amico Joel Asoro, attaccante svedese dello Swansea, sono come i Calipso Boys dello United:

“A volte Joel segnava 3-4 gol a partita, tutti grazie ai miei assist. E nella partita successiva i nostri ruoli si invertivano, così lui poteva ricambiarmi il favore. Per me fare un assist ha sempre avuto il valore di un gol”.

 

Durante il gelido inverno svedese, pratica il futsal indoor, sul parquet. Questa singolare pratica gli serve per imparare a avanzare partendo da dietro in posizione di difensore, anche se il giovane centrocampista ha doti spiccatamente offensive.

Maturo e disciplinato in campo, di Dejan colpisce la sua capacità di verticalizzare, di far filtrare il pallone anche in condizioni di difficoltà. È indubbiamente un ottimo assist man: nel suo ultimo anno alla Primavera dell’Atalanta ne ha serviti 10 insieme a 8 gol. Con il Parma è arrivato già alla metà. Insomma, segna e fa segnare.

Malgrado le origini nordiche, lo spirito di integrazione e la comunicazione non sono un problema per lui: il giovane parla ben 5 lingue e ha esordito in Serie A il 20 gennaio di quest’anno. Proprio nel giorno del compleanno di sua madre, che tante volte lo ha consolato al telefono quando, a soli, 16 anni, si trasferisce  in Italia. Poi inizia il cammino  con la Dea fino a vincere il titolo con la Primavera,  e le lacrime  si asciugano.

View this post on Instagram

2017 lost the final ( vs Inter ) 2018 lost in the semifinal 2019…. Im from the bottom. Im from the struggle. The struggle made me. All my life people been doubtin😴 me Over and over again people tryna knock me down ,hearing 🤬💩 daily im like aight aight ima show this fools⌚️,after all im used to it. When im out there ballin⚽️ IF yall just knew the feeling😍,nobody can take that away from me💯 I was born 2 ball and my day once they know what i mean💍💍 2019 is the REVENGE OF THE DREAMERS.🔥 to my family To my brothers We did this🌹 My succéss is your succéss You believed in me You supported me You stood by my Side when they Tried to brake me And thats why I love you❤️ 2019 I BECAME A CHAMPION🏆🏆 And im sharing This 🏆 WITH yall.💯❤️ We did this together. GRAZIE MISTER❤️❤️ GRAZIE RAGAZZI❤️❤️ GRAZIE TUTTO LO STAFF❤️❤️ Dopo 21 anni abbiamo fatto STORIA NOI🙏🙏🥂 #champions

A post shared by Dejan Kulusevski (@dejan.k10) on

Ora gli occhi dell’Inter sono puntati fermamente su di lui: ma bisognerà vedere cosa ne pensano in quel di Bergamo. Dejan Kulusevki, infatti, sembra costruito ad hoc per il gioco spumeggiante e veloce di Gian Piero Gasperini.

Che ci penserà bene prima di lasciarselo sfuggire.

Daniela Russo