1893… Tutto ebbe inizio cos√¨

E‚Äô la sera del 7 settembre 1893 quando, al civico numero 10 di via Palestro, si riunisce un gruppo di uomini ancora ignari del segno che avrebbero portato alla storia calcistica del nostro Paese:¬†Charles De Grave Sells, S.Green, G.Blake, W.Riley, D.G.Fawcus, Sandys, E.De Thierry, Jonathan Summerhill Senior e Junior e¬† Charles Alfred Payton¬†fondano il primo club¬†calcistico italiano dal nome originale di¬†‚ÄúGenoa Cricket and Athletic Club‚ÄĚ.

Rappresentante della comunit√† inglese, alquanto numerosa, che abita il capoluogo ligure,¬†l‚Äôassociazione vuole essere innanzi tutto un modo per coltivare la passione per il cricket, visto che all‚Äôepoca il calcio era considerato uno sport¬†‚Äėper proletari‚Äô, mentre i fondatori del club appartenevano tutti alla¬†Upper Class:¬†si va cos√¨ alla ricerca di un campo ove compiere le esercitazioni e disputare le partite; prescelta sar√† la¬†Piazza d‚ÄôArmi del Campasso, un sobborgo di Genova entrato in possesso della citt√† nel 1926, dopo¬† secoli di autonomia.

Dopo tre anni, la svolta arriva grazie a un medico: un inglese arrivato in Liguria per occuparsi dei marinai inglesi che lavoravano sulle navi carbonifere. James Richardson Spensley è un dottore ma anche un grande appassionato di calcio e, seguendo questa passione, allestisce una vera e propria squadra reclutando i suoi uomini tra gli equpaggi delle nevi e gli operai delle ferriere Bruzzo per disputare le partitelle del sabato. Tutto rigorosamente made in England.

La storia cambia il 10 aprile 1897, quando lo stesso Spensley riesce a ottenere nel club l’ingresso di soci italiani.

L’anno successivo, il 1898, nasce a Torino la Federezione Italiana Giuoco Calcio e viene  deciso anche l’inizio del primo campionato: da disputare in una sola giornata, la data prescelta è l’ 8 maggio in occasione dei festeggiamenti  legati all’ Esposizione Internazionale per i cinquant’anni dello Statuto Albertino.
La finale, disputata nel pomeriggio, vede sfidarsi il Genoa e l’International di Torino che restano fissi sull’ uno pari: ai supplementari l’ala rossoblu Leaver segna il golden gol che consegna ai Grifoni il primo titolo di Campioni d’Italia.

Da allora i titoli conquistati sono diventati  in totale 9, cui si aggiungono una Coppa Italia (1937), due Coppe delle Alpi (1962, 1964), una Coppa dell’Amicizia (1963), una Stella d’oro al Merito Sportivo (1967), un torneo Anglo-Italiano (1996) e un Collare d’oro al Merito Sportivo (2002).

Franco Scoglio affermava:

“Il Genoa √® una cosa particolare. Ha un Dio tutto suo”.